Lingue del futuro: l’inglese continua a attestarsi come lo strumento ideale per gli investimenti di successo nel mondo dell’insegnamento privato. Sia per il presente che per gli anni a venire.
L’inglese è già la lingua più utilizzata e comune in moltissimi ambiti come il mondo degli affari, nel settore diplomatico e nell’ambito scolastico. Tra le lingue del futuro, proprio l’inglese sembra avere la tendenza a crescere e ad aumentare sempre più il suo utilizzo.
Si tratta di una lingua conosciuta in tutto il mondo come la principale e quella più in crescita tra le lingue del futuro. Uno dei vantaggi è la facilità dietro lo studio e l’apprendimento della lingua grazie a una struttura grammaticale semplice e diretta.
A tutti gli effetti l’inglese consolida e mantiene la sua posizione tra le lingue del futuro e il suo ruolo sempre più chiave rispetto a altre lingue del mondo altrettanto famose ma non ugualmente utili.

L’inglese tra le lingue del futuro: quando è diventata la più parlata

I motivi che hanno spinto l’inglese a diffondersi e attestarsi come la principale tra le lingue del futuro sono da ritrovarsi nei secoli passati. Doveroso un breve cenno storico passando dal termine della Guerra dei Cent’Anni con la conclusione del dominio francese, che soppiantò la lingua latina, per dare inizio poi al primato della lingua inglese. Dal genio di Shakespeare che coniò più di 2000 parole tutt’ora utilizzate, passando per le numerose invenzioni scientifiche e i relativi nuovi termini coniati, l’inglese è riuscito a crescere e a farsi spazio nel panorama mondiale imponendosi come lingua principale. Contribuirono anche le numerose versioni locali e dialettali dell’inglese grazie alle colonie inglesi del XX secolo.
Le continue espansioni e affermazioni dell’inglese hanno consentito a questa lingua di radicarsi profondamente all’interno del tessuto sociale e imprenditoriale su scala globale. Radici tanto profonde da creare uno sviluppo parallelo e sinergico tra le attività commerciali/aziendali e il progredire dell’inglese tra le migliori lingue del futuro. Il risultato è stata una vera e propria trasformazione. Difatti, l’inglese è divenuto lo strumento necessario e indispensabile attestandosi quindi come fondamentale e necessario tra le lingue del presente e del futuro.

L’inglese tra le migliori lingue per il settore privato dell’insegnamento

Il mercato generato dalle lingue del futuro, specialmente per l’inglese, è solido e in continua espansione. Numerosi sono i casi per i quali il pubblico di interesse è spinto a imparare l’inglese e quindi a approcciarsi verso questo mondo. A dimostrazione il numero di scuole private in Italia, intorno alle 13000 (comprensivo di scuole paritarie e d’infanzia) con quasi un milione di studenti. Numeri che portano sicuramente a riflettere su quanto possa essere proficuo abbracciare la realtà dell’insegnamento privato per i propri investimenti. Il numero di scuole è sicuramente un dato importante ma non esaustivo rispetto alla domanda in continua crescita.

Tra le maggiori richieste degli utenti troviamo:

  • Certificazioni di inglese
  • Corsi individuali e personalizzati
  • Corsi collettivi
  • Applicazioni e piattaforme online per l’apprendimento dell’inglese

Le richieste e le iscrizioni sono in continua crescita. Difatti, l’inglese è quella più utile, tra le lingue del futuro, a cogliere qualsiasi tipo di opportunità scolastica e professionale. Investire in questo settore permette quindi di abbracciare un pubblico sempre motivato e spinto da necessità concrete e tangibili. La stessa lingua permette di offrire un prodotto che non risente del ricambio generazionale, rendendo il tutto un investimento lungimirante, continuo e di successo.